Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘2004’ Category

– The Bourne Supremacy – 2004 – ♥♥ e 1\2 –

di

Paul Greengrass 

Il secondo “capitolo” delle vicende della spia in preda ad amnesia continuano cambiando la sua mano creativa, il regista. E si vede! The Bourne Supremacy è leggermente inferiore al precedente in quanto a plot ma registicamente personalmente lo preferisco. Greengrass , che vinse l’Orso d’Oro a Berlino con Bloody Sunday, si avvale quasi sempre dell’uso della telecamera a mano per le riprese di questo film cercando di conferire il tono di suspance che spetta a un intreccio come quello di Jason Bourne. Ma in fase di montaggio perde di vista ciò che dovrebbe essere il perno di un film d’azione e cioè quello di farsi seguire dallo spettatore, mantenendo in lui un discreto tasso adrenalinico in corpo. Il montaggio infatti risulta essere eccessivamente velocizzato e irreale, impedendo spesso di seguire in maniera lineare quello che accade nelle vicende del personaggio interpretato da Damon, che sembra essere invece sempre più in forma. Matt Damon infatti è il vero punto di forza di questa saga d’azione, sempre più calato nel suo personaggio riesce a conferire la giusta umanità al suo personaggio. Prova a far percepire allo spettatore la propria angoscia nei confronti di un passato da killer spietato, questa volta accusato ingiustamente di aver ucciso il vice premier cinese da qualcuno che ha utilizzato la sua identità. Il tentativo infatti che Greengrass cerca in questo secondo capitolo è quello di approfondire proprio l’umanità del protagonista e l’importanza che per egli rappresenti la ricostruzione di una memoria ormai persa, ma con la quale si ritrova inevitabilmente a fare i conti. Conti che questa volta dovrà fare anche con i sistemi di sicurezza del nostro belpaese ( alcune scene sono girate a Napoli) , non facendo però alcuna fatica ad eluderli ma al contrario dandoci un palese esempio di quanto, secondo gli Stati Uniti, sia poco affidabile la sicurezza Italiana. E’ in definitiva apprezzabile il coraggio di Greengrass nel voler cambiare registro registico rispetto al primo Bourne di Liman. Anche se con una maggiore linearità e dei tagli di montaggio molto meno frenetici, che in alcuni punti (sopratutto il combattimento con il suo ex collega all’inizio e l’inseguimento nel finale) risultano piuttosto fastidiosi, il tutto sarebbe visivamente risultato migliore.

Damon e Stiles

( Vieni con me )
Police
( La polizia non può nulla contro Bourne)

Pubblicato su Cineocchio

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: